Determinazione del punto di rammollimento dell'asfalto con il metodo “Cazzo”

Determinazione del punto di rammollimento dell'asfalto con il metodo “Cazzo”

Determinazione del punto di rammollimento dell'asfalto con il metodo “Cazzo”.
Il punto di rammollimento è chiamato temp., in cui il campione di bitume standardizzato, in condizioni standard subisce deformazioni normalizzate.
Il test consiste nel determinare la temperatura, in cui il campione di asfalto deformante, posto in un anello immerso in acqua riscaldata e caricato con una sfera d'acciaio, tocca la base dell'apparecchio.
Posiziona due anelli con l'asfalto testato nei due fori nella piastra della fotocamera, e un termometro nel terzo foro. Mettere il dispositivo con gli anelli in un recipiente di vetro riempito con acqua distillata di temp. 50° C, in modo che l'altezza della colonna d'acqua sopra l'area superiore. anelli uguagliati 50 mm. Po 15 min togliere il dispositivo dalla nave, posizionare le sfere d'acciaio al centro di ogni anello riempito di asfalto e rimetterle nel recipiente. Posizionare la pirofila sul fornello a gas e scaldarla, in modo che la temperatura aumenti. acqua dopo la prima 3 il minimo di riscaldamento era di 5 ° C / min. Temperatura, in cui l'asfalto che si ammorbidisce e si piega sotto il peso della palla tocca la piastra inferiore dell'attrezzo si assume come. ammorbidimento dell'asfalto.
Prendi come risultato la media aritmetica dei risultati di almeno due determinazioni, che non differiscono di oltre 1 ° C a una certa temperatura. ammorbidimento fino a 50 ° C.

Determinazione della penetrazione dell'asfalto.
La penetrazione è definita come profondità, a cui un penetrometro standardizzato viene immerso nell'asfalto testato in condizioni di temperatura standardizzate, carico e tempo. Il grado di penetrazione è il numero senza unità che corrisponde alla profondità dell'ago di penetrazione 0,1 mm.
Spessore dell'acqua sopra l'area. i campioni dovrebbero essere almeno 10 mm. Ago di penetrazione, lavato con solvente e asciugato, posizionare nel perno e caricare con una massa che compensi la massa dell'intera parte mobile del penetrometro a 100g. Quindi posizionare l'ago in un punto distante almeno dal bordo e dal centro del vaso 10 mm, in modo che la sua estremità tocchi leggermente la superficie. asfalto, quindi impostare la freccia sul punto zero del quadrante. Avviare il timer e premere contemporaneamente il pulsante di rilascio del perno, permettendo all'ago di affondare liberamente nel campione di asfalto. La profondità di penetrazione dell'ago viene letta 5 secondi dopo che l'ago è stato rilasciato. Effettua almeno tre misurazioni, direttamente uno per uno, in diversi punti dell'asfalto.
Il risultato viene fornito con una precisione fino a 1 unità di penetrazione. Per il risultato finale della penetrazione, prendere la media aritmetica dei risultati di tre misurazioni che non differiscono di più di 2 fare 8 unità di penetrazione a seconda del valore di penetrazione specificato.

Determinazione della tenacità dell'asfalto.
La duttilità dell'asfalto è definita come la sua capacità di deformarsi durante la trazione. Questa capacità è misurata dalla lunghezza del campione al momento della sua rottura.
La prova consiste nel misurare la lunghezza del campione di asfalto in trazione in condizioni standardizzate al momento della sua rottura.
posizionare lo stampo per asfalto nel duttillometro, lo mettono su appositi perni. Dopo aver stabilito la temperatura. a 25 ° C, avviare il meccanismo di azionamento dello strumento, in modo che la velocità di trazione dell'asfalto sia 5 cm / min. Durante la prova osservare il comportamento dell'asfalto e leggere la posizione dell'indice del duttillometro al momento della sua rottura.
Prendi come risultato finale la media aritmetica dei risultati delle tre misurazioni, non differiscono l'uno dall'altro di più di 10%.
Determinazione della permeabilità del feltro di copertura.
La prova consiste nel sottoporre il campione di feltro all'azione unilaterale dell'acqua sotto pressione idrostatica e osservazione, che il campione non mostra segni di infiltrazioni nel tempo.
Prepara tre cerchi di feltro con un diametro per il test 80 mm.
Posizionare un singolo campione con un disco di carta da filtro posto sul lato inferiore tra le guarnizioni del dispositivo, e poi stringerle in modo uniforme con le tre viti. Versare con cautela l'acqua nella provetta dello strumento fino a ca.. 100-500 mm. Dopo il tempo specificato nella norma in questione (il più comune 72 o 120 ore)dai un'occhiata, l'eventuale presenza di perdite d'acqua attraverso il campione di feltro. Ciò è facilitato dalla presenza di carta velina, che, in caso di perdita, si bagnerà.
Il risultato del test può essere considerato positivo, se l'acqua non è permeata da nessuno dei tre campioni testati.

Verifica della flessibilità del feltro per tetti.
La prova consiste nel piegare il feltro di copertura in condizioni standardizzate e osservarne gli effetti. Riguarda la valutazione del grado di perdita di flessibilità del feltro causata dall'abbassamento della temperatura. dintorni.
Ritaglia la carta di feltro 4 campioni con dimensioni di 200×200 mm. Strisce di feltro per coperture con blocchi appropriati, le dimensioni prescritte dalle norme pertinenti, conservare a bagnomaria a. variabile secondo il ciclo successivo:
– di 10 fare 15 min in acqua con temp. +20± 2 ° C;
– per ca.. 30 min in acqua con temp. +4± 1 ° C;
– per ca.. 30 min in acqua ghiacciata con temp.0± 2 ° C;
Dopo aver prelevato il campione dall'ultimo bagno, il campione è in serie 1 s Piegare una volta intorno alla metà della circonferenza del blocco con un movimento costante, osservando lo strato superiore ad occhio nudo. Il tempo che intercorre tra l'estrazione del campione dall'acqua e la fine del test non deve essere superiore a 10 secondi.
Il risultato del test può essere considerato positivo, se almeno due dei tre campioni testati non presentavano graffi e crepe visibili ad occhio nudo.
Determinazione della densità apparente di materiali isolanti selezionati.
La densità apparente esprime la massa di un volume unitario di un materiale granulare (sciolto) insieme ai pori contenuti nei grani e alle cavità intergranulari contenute in un volume unitario. Esistono due stati convenzionali del materiale granulare: sciolto e compattato.
La densità apparente è data dalla formula:
Gn = m / V m = m1-mc
m- massa del campione di materiale sfuso [g];
Vj- volume del campione di materiale sfuso [cm3];
mc- peso del cilindro
m1- massa dell'intero materiale
Determinazione dell'assorbimento d'acqua in peso e in volume
La prova consiste nel determinare la quantità di acqua assorbita dalle forze capillari da un campione secco immerso in acqua.
L'assorbimento d'acqua in massa del materiale viene calcolato secondo la formula: Nw =(m1-m)/m * 100%
m1- massa del campione prelevato dall'acqua [g];
m- massa del campione prima di immergerlo in acqua [g];
L'assorbimento volumetrico di acqua è calcolato secondo la formula: no = {(m1- m)/V}*100%
Determinazione del coefficiente di conducibilità termica ?.
Specifica la quantità di calore, che passa attraverso una data superficie di un campione di un dato spessore in un dato momento con una data differenza di temperatura su entrambi i lati.
Dovrebbe essere a sua volta:
– tagliare o formare tre esemplari con dimensioni 200 200 mm;
– asciugare i campioni a temperatura 105- 110° C;
– posizionare un campione di prova del materiale tra due piastre piane di diversa temperatura;
Il coefficiente di conducibilità termica L è calcolato secondo la formula:
L = qd /(delT-qw) [W / m ° C]
q- media del flusso di calore;
q = Ki(delE / delt) [W / m2];
d- lo spessore medio del campione, [m];
delT- differenza di temperatura. piano cottura e piastra di raffreddamento, [K];
il suo- differenza di wattora, [Wh];
diviso- differenza di tempo tra le letture, [h];
w- fotocamera costante;
Ki- fattore di conversione;
Dimostrazione di infiammabilità di materiali isolanti selezionati.
Il tipo di materiale influisce sul grado di rischio di incendio dell'edificio. Per quanto riguarda l'infiammabilità, si distinguono i seguenti gruppi di materiali:
-non infiammabile, che sotto l'influenza di una fiamma o alta temperatura. non si accendono entro un certo periodo di tempo, non bruciare, non carbonizzano e non emettono gas infiammabili;
-palne, che è diviso in:
-difficile da accendere, che si accendono con difficoltà se esposti a una fiamma, bruciano e si carbonizzano; se togliamo la fiamma, il materiale smette di bruciare;
-facilmente infiammabile, che si accendono con una fiamma o bruciano e questo processo continua anche dopo aver rimosso la fonte del fuoco.
Il campione è esposto al fuoco. Dopo un po 'di tempo, spegniamo il bruciatore e osserviamo come si comporta il campione testato, ad es.. è ancora in fiamme, è ardente o forse incandescente.