Jan Vermeer - un genio del XVII secolo

Jan Vermeer - un genio del XVII secolo.

Quando si tratta di pittori olandesi, la maggior parte delle persone ricorda il nome di Rembrandt come l'artista più famoso di quelle parti d'Europa. I Paesi Bassi, tuttavia, hanno prodotto un gruppo molto numeroso di pittori, le cui opere meritano attenzione e occupano giustamente un posto importante nella storia dell'arte. Uno di loro era Jan Vermeer, quasi un pari del già citato Rembrandt, perché vivendo nel diciassettesimo secolo. Il pittore era associato alla città olandese di Delft, dove ha trascorso tutta la sua vita. Suo padre commerciava in opere d'arte e questo potrebbe aver dato al giovane Vermeer l'impulso a perseguire le proprie capacità artistiche. Non ci sono fonti sopravvissute, grazie al quale hai potuto apprendere i dettagli della sua educazione, tuttavia, sembra probabile, che ha lavorato come apprendista presso un maestro, e all'epoca non era difficile trovarli a Delft. Vermeer usava colori ad olio, che ha messo sulla tela. È interessante, usava spesso il colore blu, che nel XVII secolo fu ricavata dalla pregiata pietra lapislazzuli.

Non grande, ma risultati significativi

Sebbene Vermeer avesse un indubbio talento, il numero di dipinti che ha lasciato, non è impressionante. È stato influenzato dalle esigenze della vita quotidiana: il pittore, che aveva una famiglia numerosa, era interessato a vari lavori retribuiti, per poter nutrire tutti i suoi membri. Vermeer aveva la stessa ironia del destino, quello che molti altri artisti di talento: erano i problemi finanziari a complicare la sua vita creativa, e alla fine ha anche portato alla sua morte prematura. La vedova del pittore fu costretta a vendere o impegnare la modesta opera pittorica del marito, che era di proprietà della famiglia, che ha anche contribuito alla dispersione e all'oblio delle opere dell'artista. Sai, che Vermeer è stato apprezzato durante la sua vita, probabilmente dipinse su richiesta dei committenti, perché gran parte delle sue opere erano proprietà di ricchi cittadini. Sebbene il pittore stesso si cimentasse in varie categorie visive, il soggetto dei dipinti di Vermeer è stato principalmente influenzato dalle realtà politiche e sociali, in cui ha vissuto. Il diciassettesimo secolo era il tempo, quando i Paesi Bassi si liberarono dal dominio degli Asburgo e rimasero indipendenti, stato olandese repubblicano e protestante. Il gruppo sociale dominante era l'influente borghesia e furono i suoi bisogni a dare il tono alle direzioni, in cui si è sviluppata l'arte locale. Anche se Vermeer ha iniziato la sua avventura con la pittura creando dipinti su argomenti religiosi e storici, ha anche creato diversi paesaggi della sua città natale, queste scene di genere che raffigurano le realtà della vita degli abitanti delle città contemporanee sono il segno distintivo del suo lavoro. I personaggi principali nei dipinti di Vermeer sono le donne, occuparsi dei doveri quotidiani o catturati in momenti di riflessione o di lettura di lettere d'amore. Tra le immagini dipinte dal pittore ci sono Koronczarka, Lattaia o signore che suonano strumenti. Una parte speciale dell'opera dell'artista è il motivo di perle. Fa parte di uno dei dipinti più famosi di Vermeer: Ragazze con perla. Questo ritratto, chiamata la Gioconda del Nord, è l'immagine di una giovane donna, che guarda lo spettatore, voltando il viso sopra la spalla. Ha una caratteristica svolta sulla sua testa, orecchino di perla nell'orecchio, e un'espressione sconcertante sul viso.

Immagini con messaggi profondi

Il soggetto banale dei dipinti di Vermeer è evidente, l'artista ha intrecciato il motivo vanitas così caratteristico dell'arte barocca nelle sue visioni, vale a dire, ha spinto a riflettere sulla transitorietà e sullo scarso valore di esso, cos'è temporale. Il miglior esempio di un'opera di questo tipo è il dipinto Pesatura di perle, raffigurante una donna concentrata nel pesare questi minuscoli simboli di ricchezza terrena. La pronuncia della tela è significativa principalmente per questo, che dietro l'eroina c'è un dipinto che illustra il Giudizio Universale. Vermeer è stato anche il creatore di due ritratti allegorici: Pittura e fede, che probabilmente ha creato su richiesta. Si sono create turbolenze casuali e storiche, che Vermeer era stato dimenticato per oltre duecento anni, nel XIX secolo fu riscoperta da Etienne Joseph Theophile Thore, che era stupito, che tele così squisite non ottennero l'ammirazione che meritavano. Espressivi e magistralmente operanti con il chiaroscuro, i dipinti di Vermeer deliziarono gli artisti di inizio Ottocento e Novecento e divennero fonte di instancabile ispirazione anche per le generazioni successive. Anche oggi le immagini realizzate dal pittore olandese sono tra le icone della cultura pop, e la storia dei singoli dipinti favorisce la creazione di visioni di libri e film.